Meet Premium Cola, the German soft drink social company

Premium Cola is a real social and ethical enterprise featuring shared decision making process between all the stakeholders – end consumers included. Founded in 2001 based in Hamburg, there is no company office, no company boss, no contracts, still it is a medium size firm that keeps growing at a controlled pace – sustainable growth is possible.

I had the pleasure to listen to Uwe’s company brilliant story while taking part in oikos Winter School (Nov 03-11 in Witten) – thanks to all the organizers. oikos is the international student organisation for sustainable economics and management with more than 40 chapters around the globe.

• Thank you for stopping by •

Watch more photos on Facebook

[Premium Cola]

Premium Cola è un’azienda veramente sociale ed etica: si caratterizza per la condivisione a tutti i livelli delle decisioni, con la partecipazione al dialogo in ugual peso degli stakeholder così come dei consumatori finali. Fondata nel 2001 ad Amburgo, la società non ha una sede fissa per gli uffici, non ha un capo nel senso comune del termine e soprattutto non ha contratti scritti che regolano i rapporti di lavoro interni ed esterni.

Eppure è in costante crescita, controllata e misurata perchè non punta solo al profitto. Nata per contrastare il monopolio di Coca Cola, Premium Cola è la dimostrazione tangibile che una crescita diversa per le aziende, rispettosa dell’ambiente e delle persone, è possibile.

Ringrazio gli organizzatori della oikos Winter School (Novembre 03-11 a Witten – Germania) per avermi dato la possibilità di entrare in contatto con la fantastica esperienza di Uwe, l’ideatore di Premium Cola.

oikos è un network internazionale che raccoglie studenti da tutto il mondo, che si interessano di sostenibilità applicata al business e della sua integrazione nei corsi universitari.

 

Advertisements

Ecological Economics course in Oxford

certificat

The Ecological Economics course I’ve attended in Oxford (17 – 21 December 2012) finally is over and this is how I feel roughly speaking:

  • cheated
  • frustrated
  • robbed
  • never enjoyed it

If you are thinking of applying to the next edition of the course – maybe you found this post because you wanted to investigate a little further on the winter / summer school held in Oxford by Dr. Stanislav Shmelev – I would highly recommend not to waste your time and your money on it.

After one entire full time week passed stretching time between tea-breaks and lunch-breaks, listening to hot air superficial and too general lecture-like discourses, neither relevant content was taught to me, nor practical ecological economics tools, nor even applied case studies.

Besides, please keep in mind Dr. Stanislav Shmelev is not a “professor” (in the British meaning of the term), his course is not endorsed by the University of Oxford, Environment Europe is defined as “a sustainability think-tank based in Oxford, UK” yet there there have been no achievements so far.  Finally in my opinion it is such a shame the course is suggested on the International Ecological Economics website among the “education opportunities”: education?? This makes me also think ISEE might not be a qualified international association as it claimed.

If you have attended a similar course, or if you want more info about my experience, you are more than welcome to leave a comment below. Thanks!

Carlsberg and Pomì new sustainable technologies

 

DID YOU KNOW…? You may argue this is not very green as PET comes from oil, but actually there is a huge saving in CO2 emissions (and oil) due to logistics and PET come from recycled materials.

LO SAPEVATE CHE…? Sostituire i fusti in acciaio con nuovi fusti usa e getta in PET non sembra molto “green”. Tuttavia bisogna considerare che in questo modo si ha un grande risparmio di risorse e di emissioni a livello di logistica, mentre il PET rientra nella filiera del riciclo.

[Subscribe to channel • new video every week]

Interviewing Nobel Prize Amartya Sen

One of the latest events focused on efficiency of economic measuring tools (GDP) at Bocconi University in Milan featured Amartya Sen as guest speaker. Besides awarding the Nobel Prize for economy in 1998, he has received quite 100 honorary degrees and is currently professor of both Economy and Philosophy at Harvard University.

I attended the lectio magistralis listening carefully to his story of snakes and ladders (a traditional Indian game), suitable to represent the crucial phase of European economy in these days – snakes represent the several hindrances and ladders the few improvements.

After the conference I was lucky enough to make him a short interview on the behalf of BCFN. Unfortunately he was in a hurry so I had the time to ask him just a couple of questions.

What is your recipe of moving up economic growth in Europe? 

「Economists say they don’t need theory to make economy growing, they need slogans. This is not what I am going to tell you tonight, as we don’t need a list of rules for “good growth”. The important thing is understanding why growth is necessary – paying back the national deficit, assessing public services, etc – and listening to each other making the best out of Democracy.」

Why is food security not granted to everyone yet?

「Food security is a serious issue, you have to consider three elements at least: firstly how much is the income and the economic means to access food; secondly food prices volatility needs a stabilizer – and the government could play this role; Thirdly, the unfairness of distribution between the classes and men and women in the world. So you cannot solve food security just looking at food…

If you want to delve into Sen’s politics-economic insights, I’d suggest you to read his masterpiece Development is Freedom on the importance of public discussion and democracy for economic development.

• This was a long one! Thank you for reading 😉 •

Uno degli eventi dell’Università Bocconi di Milano di questo mese si intitolava「Oltre il PIL: un nuovo concetto di valore」. Ospite d’onore il celebre Amartya Sen, economista indiano vincitore del Premio Nobel nel 1998, oltre che professore di Economia e Filosofia ad Harvard nonché insignito di quasi 100 lauree honoris causa.

Ho ascoltato con interesse il suo lungo intervento, quasi una lectio magistralis. Per descrivere l’attuale situazione politico-economica europea, Sen è ricorso ad una similitudine con il gioco indiano dei serpenti e delle scale, dove i numerosi serpenti sono gli ostacoli e le scale i pochi progressi.

L’ho intervistato dopo la conferenza per il BCFN, purtroppo c’è stato il tempo solo per due brevi domande.

Dal suo punto di vista, qual è la ricetta di crescita economica per l’Europa?

Quando parlano di crescita gli economisti dicono che non hanno bisogno di individuare una teoria, bensì  uno slogan. Io non ho slogan, non credo che sia il caso di stilare una lista per punti con la ricetta per la crescita. E’ importante tenere a mente che la crescita economica è necessaria ad esempio per ripagare il debito dello Stato, per migliorare ed implementare i servizi pubblici, ecc; l’unica regola per gli stati è ascoltarsi l’un l’altro e lasciare spazio alla Democrazia. 」

Come mai la sicurezza alimentare non è ancora un diritto garantito a tutti?

La sicurezza alimentare è un tema difficile, dobbiamo tenere in considerazione almeno tre parametri: se ci sono o meno i mezzi economici per accedere al cibo; la volatilità dei prezzi dei cereali (lo stato potrebbe svolgere il ruolo di stabilizzatore); per ultimo la globale iniquità nella distribuzione di beni tra le classi sociali e gli uomini e le donne. Come vede, è una questione molto complessa: non basta concentrarsi sul cibo per risolvere il problema della sicurezza alimentare… 」

Se volete approfondire i temi trattati da Amartya Sen, vi consiglio di leggere Lo sviluppo è libertà, sull’intreccio tra mercato e politica e la centralità della democrazia per lo sviluppo economico. Qui potete ascoltare l’intero intervento di Sen alla conferenza.

• This was a long one! Thank you for reading 😉 •

A debate about degrowth

I’ve been working so far at the organization of the webinar Which economic model for a sustainable growth? by Barilla Center for Food & Nutrition. Webinars – also known as BCFN Talks – are short yet well-structured debates following talk show TV format moderated by very well prepared Alex Thomson from Channel 4 News. The event went online on live streaming at BCFN website, but it is possible to watch registered video later here.

On April 5th BCFN hosted a debate about sustainable economic growth inviting three experts in economics and social sciences, expressing individual’s different opinion on the topic. The debate started from the question “what are the limits of the traditional model based on economic growth?”.

Philippe Aghion, Professor of Economics at Harvard University, went crazy about innovation: innovation can solve all kinds of problems. On the other hand, Peter A. Victor, Professor of Ecological Economics at University of York and author of the book Managing without growth, remarked the unavoidable limits to growth due to limited resources on this planet. Finally activist and writer Raj Patel (@Raj Patel) gave priority to food and the occupy movements happening worldwide.

If you are interested, please follow this link to have more info and express your opinion through social media tools interaction. Do you think degrowth means reducing personal money and comforts?

Thank you for stopping by. Follow me on Twitter @ecoSFL.

Durante i mesi scorsi ho lavorato all’organizzazione del webinar Quali modelli economici per una crescita sostenibile? presentato dal Barilla Center for Food & Nutrition. I webinar, chiamati anche BCFN Talks, sono dei format che seguono i canoni dei talk show televisivi per realizzare dei brevi seminari/dibattiti online fruibili gratuitamente in diretta live streaiming dal pubblico in tutto il mondo. La moderazione è stata affidata al valido Alex Thomson, giornalista televisivo di lunga esperienza del canale britannico Channel 4 News.

L’incontro del 5 aprile era dedicato al confronto sugli schemi economici possibili in futuro in un’ottica di stabilizzazione, partendo dalla riflessione sulla situazione attuale: ” quali sono i limiti di un’economia basata sul modello della crescita costante?”

Philippe Aghion, professore ordinario di Economia dell’Università di Harvard, ha puntato tutto sull’innovazione, che nel bene e nel male riuscirà sempre a risolvere i problemi dell’umanità, come ha fatto finora. In totale contrasto la posizione di Peter A. Victor, professore di Economia Ecologica presso l’Università di York in Canada e autore del recente libro Managing without growth (non tradotto in italiano), che ha posto l’accento sull’evidente finitezza delle risorse del pianeta e sulla necessità di domandarci dove ci porta l’innovazione, qual è il suo vero valore ovvero fino a che punto ne abbiamo bisogno (fino a dove si può arrivare? Il beneficio che ne traiamo è superiore alle risorse impiegate per arrivarci?). Infine l’attivista  e scrittore Raj Patel (@Raj Patel) ha contestualizzato la prospettiva sullo sfondo delle proteste popolari di Occupy Wall Street e sull’estrema iniquità della distribuzione della ricchezza (e del cibo) globale.

Potete seguire tutto il dibattito qui ed esprimere la vostra opinione sui canali sociali del BCFN.

Grazie per l’interesse! Seguitemi su Twitter @ecoSFL.

[Barilla Center for Food & Nutrition]

Fukushima sad anniversary

Many of you might already have seen this funny and creative video from Ecotricity UK. If not, enjoy it. If yes, just share it once again please.  Here is Greenpeace freshly released app to look up where are nuclear power plants around you. •     Può darsi che molti abbiano già visto questo video di Ecotricity (Gran Bretagna). Se no, guardatelo che è divertente. Se sì, è un’occasione in più per farlo girare! C’è una nuova applicazione online di Greenpeace che permette di localizzare gli impianti nucleari nel mondo per conoscere i proprio rischi.

Thank you for stopping by.

[Official fan page]

#F27 • It isn’t a GMO code

27 febbraio, 30 nuovi tweet #F27 ogni minuto, da diventar matti a star dietro all’hashtag. E’ il giorno della protesta globale di Occupy Big Food, movimento nato 6 mesi fa a Zuccotti Park, superflua precisazione, sull’onda di Occupy Wall Street. Cosa succede di importante in questa giornata? Non si tratta di un gruppo di contadini che manifestano per chiedere appezzamenti e sussidi. E’ molto di più: il gruppo di contadini si ritrova e si unisce insieme ai cittadini di tutto il mondo che vogliono fronteggiare Lei, l’unica, la grande, la sproporzionata, l’irriducibile Monsanto, l’azienda che ha il monopolio – come dico io – sul pre-food, ovvero su ciò che esiste prima di diventare cibo processato. Cosa fa di male questo colosso? Non è una presa di posizione assoluta contro le bio-tecnologie (ci sono metodi e metodi che approfondirò più avanti), ma un problema di ordine filosofico, sebbene molto pratico. Le sementi OGM, essendo create in laboratorio, non sono portatrici di vita: la loro sterilità le fa cadere al confine con il mondo inorganico. La grande massa dei coltivatori allo stremo delle condizioni (fisiche ed economiche) è costretta a dipendere dal gigante dello smercio mondiale per l’acquisto di nuove sementi ad ogni raccolto – ad un prezzo finalizzato al profitto di chi le produce, come insegnano le elementari leggi economiche di monopolio. Non voglio parlare dei problemi che la produzione e il consumo di alimenti geneticamente modificati provocano alla salute umana e all’ambiente. Vorrei solo gridare, perchè sentano, dall’atra parte dell’oceano, che io sono con loro.

February 27th, 30 new #F27  tweets every minute. All day long – I was going crazy following the hashtag.  It is the big day, the Global Occupy Big Food day – the movement started in New York 6 months ago and spread already over the country and overseas. Why is this so important? It’s not about a bunch of farmers gathering together asking for land and subsidies. Actually they are gathering together (also with dwellers) to face the Big one, the giant of pre-processed-food industry: the Monsanto company. What’s wrong with it? It’s just the most powerful genetically modified seeds producer. Why a seed producer is said to be powerful? After all, seeds grow up naturally. But not if they have been in the lab before being planted. GMO plants cannot reproduce themselves, as they are not part of the “organic world”, they don’t disclose life as Mother Earth would do. Hence, farmers are put in the need to buy them season after season, crop by crop, at more and more expensive price set by big corporations. Don’t even mention GMO related health diseases and environmental harm… Supporting Occupy Big Food!

[Follow the stream via TumblrTwitterThe official blog]

La terza crisi

“I responsabili del disastro mondiale della prima crisi finanziaria, che sta mettendo in seria difficoltà economie come quella greca, portoghese, spagnola e italiana, hanno cavalcato irresponsabilmente il capitalismo finanziario, costringendo i governi a racimolare somme esorbitanti, di un ordine di grandezza superiore a quelle che sarebbero sufficienti a risolvere diverse emergenze ambientali a livello planetario. Le cifre parlano chiaro: in pochi mesi sono stati raccolti 4000 miliardi di dollari per salvare il sistema bancario mondiale, quasi tre volte il PIL italiano, con il risultato che il debito pubblico è esploso e oggi ci troviamo dentro la seconda crisi, quella economica.”

E la terza? Crisi ecologica. Come indica Danilo Bonato, manager appassionato di scrittura e problematiche ambientali, è necessario il fattore “E”: e come “equilibrio”, tra pianeta e uomo, tra stato e privati, tra economia ed ecologia.

Le crisi sono annodate insieme, bisogna partire dall’ultima per poi, a ritroso, sciogliere tutte le altre.

[Libro • La Terza Crisi]